I guerrieri della notte

Chi ama il cinema degli anni Settanta non si perda “I guerrieri della notte”, di Walter Hill, recentemente tornato nelle sale in una versione restaurata a cura della Cineteca di Bologna. Quelli che non l’hanno mai visto scopriranno un grande film, che nel 1979 destò scalpore per le audaci soluzioni stilistiche e per la cruda descrizione del mondo delle gangs giovanili di New York. Gli altri non  potranno che apprezzare il gran lavoro svolto dai tecnici bolognesi, capaci di restituire alla parte video definizione e colori di eccezionale nitidezza, e alla colonna sonora la sua qualità originaria. Un risultato reso possibile dalla sofisticata strumentazione in dotazione alla Cineteca, che è diventata un centro all’avanguardia in Europa per il restauro e la conservazione, e ogni anno organizza a Bologna il Festival del Cinema Ritrovato. Il nuovo appuntamento, imperdibile per i cinefili, è tra il 24 giugno e il 2 luglio.

“I guerrieri della notte”ha come protagonisti i membri dei Warriors, una gang di Coney Island che partecipa a un raduno organizzato dal carismatico Cyrus nel Bronx. Cyrus vorrebbe unire tutte le gangs di New York per impadronirsi della città. Ma viene ucciso, e i Warriors, ingiustamente accusati del delitto, devono fuggire per salvare la pelle. Il loro ritorno a Coney Island, braccati dalle bande rivali e dai poliziotti, ha volutamente toni epici. “L’idea – ha spiegato Hill – era quella di non guardare a una banda come problema sociale, ma sotto un altro punto di vista, quello dell’ eroismo inteso nell’accezione classica del termine. Mi piaceva l’idea di raccontare una vicenda ispirata all’ Anabasi di Senofonte, ambientandola in un mondo futuristico e fantascientifico. Ho pensato che la sfida sarebbe stata renderla realistica e fantastica allo stesso tempo; volevo combinare quei due elementi per farne un fumetto dark”. 

E, a distanza di oltre 40 anni, si può dire che l’abbia vinta.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI