Globale, ma melenso

“Frozen II, il segreto di Arendelle”, sta riempiendo le sale, e sembra avviato a replicare il successo planetario della prima parte della saga delle sorelle Elsa e Anna, ambientata tra i fiordi e le foreste del Grande Nord. 

Come in ogni sequel che si rispetti, “Frozen II” oscilla tra i flashback che riprendono  alcuni degli aspetti lasciati in sospeso nel primo film e lo sviluppo di una nuova e complicata trama, basata sul viaggio delle due sorelle alla ricerca della verità sui loro genitori e sul regno di Arendelle. Ad accompagnarle ci sono ancora il pupazzo di neve Olaf, il buon Kristoff e la renna Sven, mentre lungo il percorso incontrano la tribù dei Northuldri e un gruppo di soldati, che si combattono da anni in una foresta avvolta da una nebbia impenetrabile. Alla fine, grazie ai magici poteri di Elsa e al coraggio di Anna, la nebbia si dissolve, torna la pace e, come è d’obbligo nelle fiabe, tutti vivono felici e contenti.

“Frozen II, il segreto di Arendelle” è il cinquantottesimo film di animazione prodotto dalla Disney, che investe milioni di dollari non soltanto nella produzione, ormai interamente basata sulla computer grafica, ma anche nelle altrettanto redditizie attività collaterali: libri, musica, oggettistica basata sul marchio. Basti pensare che le canzoni della colonna sonora sono state incise e commercializzate in ventinove lingue diverse. 

La Disney produce i suoi film per un mercato globalizzato, per piacere a tutti  in tutto il mondo. Questo rischia di andare a scapito della originalità delle trame e dei personaggi. Gli stereotipi abbondano, i buoni rischiano la melensaggine, e nessuno dei cattivi è neppure lontanamente paragonabile alla splendida e terrificante Crudelia Demon de “la carica dei 101”. 

Ma forse queste sono soltanto le considerazioni di un nonno nostalgico, che a Natale si è rassegnato a regalare alla nipotina i mattoncini per costruire il castello di Arendelle.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’affare Dreyfus

A 86 anni, quando non è impegnato a difendersi da denunce più o meno fondate per i suoi…
LEGGI