Gli orsi non esistono

Vedere “Gli orsi non esistono”, di Jafar Panahi, è un gesto quasi obbligato di solidarietà verso la coraggiosa protesta delle donne iraniane e verso la persona del regista, che a luglio è stato arrestato e dovrà scontare una vecchia condanna a sei anni di carcere. Troppo realistici i suoi lavori e troppo impietosa la sua descrizione della società per piacere alle autorità civili e religiose del paese. Di qui una condanna per propaganda contro il sistema, inizialmente sospesa a patto che Panahi non uscisse dall’Iran, non rilasciasse interviste e non facesse più film. Ma lui ha testardamente continuato a lavorare, e a presentare all’estero i nuovi lavori proibiti in patria, facendo tra l’altro incetta di premi.

“Gli orsi non esistono” è un film autobiografico. Il protagonista è lo stesso Panahi, nei panni di un regista che si è rifugiato in un piccolo paese di contadini vicino al confine turco per sfuggire alle attenzioni del regime. Da qui dirige a distanza, via internet, una troupe impegnata nella realizzazione di un film su due giovani che tentano di espatriare. Anche lui potrebbe farlo, ma rinuncia perché ritiene suo dovere restare in Iran e battersi per raccontare la realtà del paese. Scopre però che un conto sono gli ambienti intellettuali delle città, un altro i contadini delle province, chiusi nel conformismo del loro piccolo mondo, dove una fotografia scattata per caso può scatenare una incomprensibile violenza.

Il film è costruito sull’intreccio delle due storie, e Panahi è molto efficace nell’interpretare senza un filo di retorica il suo dolente personaggio. C’è però una evidente disparità tra la splendida e realistica descrizione della vita nel villaggio e la meno convincente parte cittadina, che volutamente disvela le tecniche della finzione cinematografica: alcune scene vengono ripetute e gli attori smettono di recitare per dialogare con il regista lontano. In ogni caso, un film da non perdere.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI