Doisneau, artigiano di talento

È uno dei nomi più amati della fotografia mondiale, Robert Doisneau, e le mostre che periodicamente vengono allestite sfruttando il suo sterminato archivio richiamano sempre un gran numero di visitatori. L’ultima, itinerante, è approdata in questi giorni a Torino grazie a Camera, il Centro Italiano per la Fotografia, in via delle Rosine 18. Visitatela, ne vale la pena: raccoglie molte delle sue opere più famose – compreso il celeberrimo “Le Baiser De L’Hotel De Ville” – e anche qualche scatto meno noto e forse più interessante.

Non è un mistero, infatti, che i protagonisti del celebre bacio fossero in realtà due studenti che Doisneau, incaricato di un servizio fotografico dalla rivista Life, mise in posa ispirandosi a un’altra celebre foto, scattata da Alfred Eisenstaedt nel 1945 a New York durante i festeggiamenti per la vittoria contro il Giappone.

Insomma, un abile trucco di un artigiano della fotografia, che dai suoi scatti doveva ricavare di che vivere, e molto probabilmente aveva pensato che il pubblico americano avrebbe apprezzato il richiamo a una immagine famigliare.

Dico questo non per sminuire la figura di Doisneau, che artigiano si sentiva e lo dichiarava con orgoglio, come si scopre nel bel documentario che arricchisce la mostra, e ci restituisce l’immagine di un gran simpatico, innamorato del suo mestiere, e alieno da ogni forma di alterigia. Dai lui avrebbero molto da imparare alcuni dei fotografi che oggi vanno per la maggiore e gabellano per arte i loro deliri.

Nato nel 1912 e morto nel 1994, Doisneau si formò come litografo e esordì come fotografo industriale per la Renault. La disciplina di fabbrica gli stava stretta, e dopo la guerra scelse la strada del fotografia indipendente lavorando per l’agenzia Raphot, alla quale rimase fedele per cinquant’anni. Non amava viaggiare, e l’amata Parigi divenne il suo principale soggetto: i quartieri della periferia con le loro strade brulicanti di vita, i bistrot, i cabaret, le fabbriche, le portinerie, i bambini che giocano e sui banchi di scuola. La sua è una fotografia che guarda al quotidiano, con una punta di ironia e grande benevolenza. ” Ci sono dei giorni – diceva – in cui il semplice fatto di guardare diventa una vera gioia”. E sarebbe stato contento di sapere che ancora oggi le sue foto restituiscono ai visitatori della mostra la stessa gioia.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI