La cospirazione del Cairo

Tarik Saleh è un regista svedese figlio di padre egiziano, e chi vuol capire qualcosa di più dell’Egitto contemporaneo non può prescindere dai suoi film. Quello che gli ha dato fama internazionale – e gli ha procurato l’ostracismo del paese di provenienza – era “Omicidio al Cairo”, una storia gialla che partiva dalla morte di una famosa cantante e arrivava a descrivere la drammatica realtà di una nazione corrotta alla vigilia di una rivoluzione finita malissimo. Per il pubblico italiano quel film, uscito a pochi mesi di distanza dalla brutale uccisione di Giulio Regeni ad opera dei servizi segreti egiziani, era un pugno nello stomaco che andava oltre i suoi indubbi meriti.

Ora è arrivato nelle nostre sale “La cospirazione del Cairo”, uscito nel 2022 e premiato a Cannes per la migliore sceneggiatura. Anche in questo caso si parte da un omicidio, quello  di un allievo di al-Azhar, il più prestigio centro religioso sunnita del mondo arabo, nonché l’università dove studiano i futuri imam. Un altro allievo, Adam, figlio di un povero pescatore, viene coinvolto suo malgrado nelle indagini da un colonnello dei servizi segreti, e scopre che l’omicidio è maturato nei giochi di potere per la scelta del nuovo rettore. Un carica a vita, ambitissima, alla quale il governo egiziano vorrebbe fosse eletto un religioso amico. 

L’intreccio, solido e pieno di tensione, è tuttavia la parte meno interessante del film. Ciò che colpisce, oltre alla accurata descrizione della vita dentro al-Azhar, dove si confrontano i moderati vicini al governo e gli estremisti legati ai fratelli musulmani, è lo spregiudicato comportamento dei servizi segreti, che operano al di fuori di ogni controllo. 

Bella la fotografia, ben scelte le musiche, ottimi gli attori dove spiccano il giovane palestinese Tawfeek Barhom nei panni del tormentato Adam e lo svedese Fares Fares, che interpreta un colonnello con qualche barlume di umanità. Da vedere.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI