Contagion, una storia quasi vera

Sale ancora chiuse, chissà per quanto tempo. Dunque spazio ai film reperibili in rete. Su Youtube se ne possono trovare molti gratuiti, in genere vecchiotti e a volte con qualche problema di qualità. Ma nella sezione “film su Youtube” ci sono in vendita o a noleggio anche film recentissimi in alta definizione. Quello più gettonato negli ultimi giorni è “Contagion”, di Steven Soderberg. Chissà come mai.

Uscito nel 2011, il film racconta la storia di una malattia virale sconosciuta  denominata MEV 1, che ha inizialmente ha gli stessi sintomi dell’influenza, ma un decorso quasi sempre mortale. 

Scientificamente ineccepibile – Soderberg si è avvalso della consulenza del CDC, il centro per le malattie infettive di Atlanta – “Contagion” ha impressionanti similitudini con il difficile periodo che stiamo vivendo, con l’unica  significativa differenza che il tasso di mortalità del nostro coronavirus è molto più basso. C’è l’incertezza sulle cause della malattia, per la quale non esistono cure note. C’è la sua diffusione in tutto il mondo. Ci sono il panico generalizzato che le autorità cercano di contenere con draconiani provvedimenti di quarantena, le viltà, gli eroismi e il disgustoso comportamento di chi cerca di lucrare sulla vicenda. E c’è l’affannosa ricerca di un vaccino, che alla fine riuscirà a contenere il contagio. 

Nel cast spiccano Marion Cotillard, Matt Damon, Gwynet Paltrow, Elliott Gould e Jude Law nella parte dello spregiudicato blogger che sostiene di essere guarito grazie a un rimedio omeopatico. 

Negli ultimi minuti del film viene descritta la fase iniziale del contagio, partito dalle foreste di Hong Kong, dove un pipistrello ha infettato un maiale macellato a mani nude in un ristorante cittadino. Sono le mani non lavate del cuoco a trasmettere il virus alla paziente zero, una cliente del ristorante che lo porterà con sé in Occidente.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI