Collective

Il 15 ottobre 2015 un incendio distrusse la discoteca Colectiv di Bucarest. Ventisette persone morirono subito, e vi furono centinaia di feriti e ustionati. Nei mesi successivi il totale delle vittime salì a 64 a causa delle infezioni contratte in corsia. Una approfondita inchiesta giornalistica condotta dal quotidiano sportivo Gazeta dimostrò che i disinfettanti usati in molti ospedali romeni provenivano da un’unica ditta, che li diluiva con la complicità della politica, e che l’intero sistema sanitario era nelle mani di incompetenti e corrotti burocrati. Le proteste travolsero il governo, e costrinsero il premier Ponta alle dimissioni.

Tutta la vicenda è stata raccontata dal regista romeno Alexander Nanau in “Collective” , uno straordinario documentario che è in corsa per gli Oscar non soltanto nella sua categoria, ma anche come miglior film straniero. E in effetti, pur non concedendo nulla allo spettacolo, ha un ritmo serrato che incatena lo spettatore alla sedia per 109 minuti e lo lascia con un nodo allo stomaco per l’indignazione e il disgusto.

Nanau ha avuto la fortuna di imbattersi in personaggi di grande spessore, come il caporedattore della Gazzetta Catalin Tolontan, che sprona i suoi giornalisti a indagare e non si ferma davanti alle minacce, e il giovane ministro della sanità Vlad Voiculescu, subentrato dopo lo scandalo e pieno di buone intenzioni, ma alle prese con enormi difficoltà. I due vengono seguiti anche dietro le quinte, nelle riunioni con i loro collaboratori e perfino in alcuni incontri riservati. Di grande intensità, ad esempio, sono la testimonianza di una dottoressa del centro grandi ustionati sui pazienti lasciati senza cure e invasi dai vermi, e le denunce delle impiegate amministrative costrette a coprire le malversazioni dei superiori.

“Collective” si può vedere in streaming sulla piattaforma IWonderfull al prezzo di 7,99 euro. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI