Chiedi chi erano i Beatles

Uscito nelle sale italiane alla fine del 2019, “Yesterday”, del pluripremiato regista inglese Danny Boyle, è stato presto dimenticato a causa del Covid. Grazie a Prime Video, chi lo ha perso ha una nuova occasione di vederlo, e il mio consiglio è di non lasciarsela scappare: è ben fatto, divertente, e negli spettatori di una certa età suscita una giusta dose di dolce nostalgia.

La storia è semplice: il mondo subisce un misterioso blackout di pochi secondi. Nel buio Jack Malik, un giovane musicista senza arte né parte, viene travolto da un autobus e perde conoscenza. Quando si risveglia scopre di essere l’unico abitante della Terra a ricordarsi dei Beatles, e ne approfitta per cantare i loro grandi successi, che entusiasmano le folle. Travolto dalla fama abbandona i vecchi e devoti amici, ma non è soddisfatto, e alla fine saprà riscattarsi.

Danny Boyle è un regista eclettico, capace di passare dallo sperimentalismo visionario di “Trainspotting” alla biografia di “Steve Jobs”, dal successo planetario di “The Millonaire” al relativo insuccesso commerciale del crudo “127 ore”. Con “Yesterday” ha scelto la strada della favola contemporanea, regalando agli spettatori due ore di emozioni e di splendida musica. È aiutato nell’impresa da Himesh Patel, un ottimo attore inglese di origine indiana che canta e suona senza sfigurare tutte le canzoni più famose dei Beatles, e dal generoso Ed Sheeran, che interpreta se stesso e aiuta Malik a sfondare. Tutto il cast è all’altezza della situazione, che richiede una recitazione leggera, ma non sopra le righe. Deliziose per esempio la scena in cui Malik esegue al pianoforte “Let It Be” davanti ai genitori  annoiati e distratti, e quella dove i discografici lo convincono che il titolo “Hey Jude” non potrà mai funzionare, e che bisogna cambiarlo in “Hey Dude”. Inoltre Malik scoprirà che il mondo non ha dimenticato soltanto i Beatles.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI