Charlize l’immortale

Ne ha fatta di strada Charlize Theron da quando la sua minigonna si sfilacciava in un celebre spot pubblicitario della Martini & Rossi. Attrice pagatissima, produttrice di successo, attiva sostenitrice dei diritti delle donne, la ex modella sudafricana è la protagonista e la coproduttrice  di “The Old Guard”, la vecchia guardia, distribuito da Netflix. Alla Theron si deve anche la scelta della regista, la semisconosciuta Gina Prince-Bythewood, che si dimostra a suo agio in un film anomalo, dove i classici ingredienti degli action-movies si alternano a momenti più tranquilli di riflessione e di approfondimento del carattere dei personaggi.

La trama deriva da un fumetto di Leandro Fernandez e Greg Rucka, che è anche lo sceneggiatore del film. Quattro mercenari hanno il dono della immortalità, perché i loro tessuti sono in grado di rigenerarsi anche dopo le più orribili e dolorose ferite. Charlize Theron vive da migliaia di anni, e in passato è stata anche venerata come una dea. Gli altri si sono uniti a lei nel corso del tempo grazie a una sorta di collegamento telepatico, e il gruppo si batte in segreto per difendere i deboli e arginare senza troppo successo le ingiustizie del mondo. Charlize è stanca e sfiduciata, e vorrebbe ritirarsi. Ma la scoperta che in Afghanistan è comparsa una giovane soldatessa con gli stessi poteri cambia le carte in tavola. I quattro dovranno ancora una volta scendere in campo per aiutarla e anche per difendere se stessi, perché nel frattempo una multinazionale del farmaco ha scoperto il loro segreto e vorrebbe usarli come cavie per i propri esperimenti.

Arti marziali, sparatorie e  inseguimenti non mancano, con l’aggiunta degli effetti speciali che ogni volta resuscitano i membri del gruppo. Ma la parte più originale del film è l’altra. I quattro sentono il peso della solitudine, e dell’aver perso nel corso degli anni famiglie e amori. Sarà la giovane soldatessa a convincerli a tenere duro.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI