Blow the Man Down

“Blow the Man Down”, butta giù l’uomo, è il titolo di una canzone del folklore americano resa famosa da Woody Guthrie, e anche il titolo di un film che  Amazon Prime propone da qualche settimana, senza troppa pubblicità, nel suo catalogo. Ed è un peccato, perché le registe esordienti Bridget Savage Cole e Danielle Krudy hanno dimostrato di saperci fare, e le giovani attrici Sophie Lowe e Morgan Saylor sono molto convincenti nella parte di due sorelle che finiscono nei guai a causa di un uomo dall’oscuro passato e dalle mani troppo lunghe.

La storia è ambientata a Easter Cove, un immaginario villaggio di pescatori sulla costa del Maine, dove l’ambiente gelido e selvaggio è protagonista come e forse più degli abitanti. La vita non è facile. Gli uomini, che incontriamo in una bellissima scena iniziale mentre intonano nella nebbia del porticciolo “Blow the man Down”, sono in realtà comprimari: si abbruttiscono con le fatiche della pesca, tracannano whisky e cercano facili avventure con le ragazze di un locale malfamato. Sono le donne a comandare, con i loro modi tranquilli e con la fredda determinazione che viene dall’esperienza. Tra una torta di mirtilli e una seduta sotto il casco dell’unica parrucchiera gestiscono le principali attività commerciali e prendono tutte le decisioni importanti per la vita di una comunità dove i segreti  sono molti e a volte inconfessabili.

“Blow the Man Down” è un noir con le carte in regola. Qualcuno muore, qualcuno è sospettato, qualche altro paga. Ma quello che importa davvero alle due registe è raccontare la vita di un piccolo paese, dove la necessità di non mettere a rischio gli equilibri della convivenza conta più della legge, rappresentata da due inconcludenti poliziotti. Così lo spettatore è più interessato al carattere dei personaggi che al modo in cui uccidono o vengono uccisi. Un’ora e mezza di cinema intelligente.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI