Billie Holiday, signora del blues

Quando nel 1939 Billie Holiday cantò per la prima volta “Strange Fruit“, che piangeva i neri del Sud linciati e appesi agli alberi come “strani frutti”, la rivista Time disse che si trattava di “propaganda in musica”, e per molti anni le radio e le televisioni rifiutarono di trasmetterla. Sessanta anni dopo fece ammenda e riconobbe che la voce straordinaria della Signora del blues aveva fatto del testo e della musica scritti dall’attivista Abel Meeropol uno strumento potentissimo nella lotta per l’emancipazione e i diritti civili dei neri americani. E che per questo a buon diritto poteva essere considerata la canzone del secolo. 

Nel film “Gli Stati Uniti contro Billie Holiday” il regista Lee Daniels racconta in modo un po’ didascalico la carriera e la vita difficile della cantante, segnata dagli abusi subiti in tenera età, dalle discriminazioni razziali, dalla droga e da relazioni sbagliate con uomini che la sfruttavano. Convince di più quando  ricostruisce le pressioni dell’America puritana e bigotta per costringerla a escludere “Strange Fruit” dal suo repertorio, e le persecuzioni orchestrate dal bieco agente federale Harry Ansliger per piegarla, culminate nell’arresto e in un anno di carcere per detenzione di stupefacenti. Tornata in libertà la cantante riprese a esibirsi, ma era malata di cirrosi e morì a soli 44 anni.

Daniels è un regista di media levatura, e il film ne risente. Tuttavia vale la pena di vederlo per l’ultima fulminante battuta di Billie morente al bieco Ansliger e per la magnifica interpretazione della cantante Andra Day: non è soltanto fisicamente simile al suo personaggio, ma riesce a immedesimarsi completamente in lei anche quando canta. La sua esecuzione dei capolavori di Billie lascia a bocca aperta, anzi a orecchie spalancate. E questo vale anche per “Strange Fruit”, che nel corso degli anni molte grandi voci hanno tentato di interpretare, senza mai raggiungere il fascino dell’originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI