Bambole in fuga

Non è un film adatto a chi è infastidito dal linguaggio sboccato e si sente a disagio con una rappresentazione molto libera del sesso, peraltro raccontato senza ostentazioni e senza volgarità. Ma “Drive-Away Dolls”, di Ethan Coen, è un piccolo gioiello di intelligente umorismo, che merita di essere visto in lingua originale con i sottotitoli per l’eccellente prova delle due protagoniste, Margaret Qualley e Geraldine Viswanathan, bene assecondate da un cast dove Matt Damon, Pedro Pascal e la cantante Miley Cyrus compaiono in tre deliziosi camei.

Filadelfia, 1999. Jamie e Marian sono due giovani lesbiche. La prima è stata cacciata dall’amica a causa delle sue continue infedeltà, la seconda è infelice perché una cronica timidezza le impedisce di socializzare. Decidono di viaggiare insieme fino a Tallahassee, e per risparmiare vanno in una agenzia che organizza il trasporto di auto attraverso l’America. Qui ne ricevono per errore una dove è nascosta una misteriosa valigetta, costata letteralmente la testa all’uomo che l’aveva rubata.

Ignare, le ragazze iniziano un viaggio che la ligia Marion vorrebbe concludere nei tempi previsti, ma viene trasformato dalla spumeggiante Jamie in una scorribanda senza meta tra bar lesbici e improbabili attrazioni turistiche. Sulle loro tracce si mettono tre pericolosi criminali, disposti a tutto pur di ritrovare la valigetta e restituirne il contenuto al proprietario, un importante politico tutto patria e famiglia. 

Il risultato è un travolgente susseguirsi di situazioni comiche, tragici errori e sanguinose sparatorie nel più puro stile dei fratelli Coen, quello che abbiamo imparato a conoscere e apprezzare in molti dei loro film, da “Fargo” a “Non è un paese per vecchi”. Qui, per la prima volta, la collaudata coppia si è sciolta. Ethan Coen è solo alla regia, ben coadiuvato dalla moglie Tricia Cooke, che firma con lui il soggetto, la sceneggiatura e la produzione. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI