Babylon a Hollywood

Niente vie di mezzo con Damien Chazelle. O piace o non piace. A me piace, e penso che “Babylon” sia un film da vedere nonostante le stroncature che alcuni critici spocchiosi gli hanno riservato. 

E’ vero, dura tre ore e otto minuti. E’ vero, alcune scene sono eccessive e a volte disturbanti. E’ vero, l’onirico finale può lasciare perplessi. Ma nonostante questo – anzi, forse proprio per questo – lo spettatore esce dalla sala con la sensazione di avere visto uno spettacolo degno di questo nome, che non si vergogna di regalare emozioni, avventure e sogni. Come sempre dovrebbe fare il cinema.

Siamo a Hollywood, nel 1926. Un elefante viene trasportato in modo rocambolesco nella villa di un famoso produttore, dove centinaia di invitati partecipano a un party a base di musica, sesso e droga. Nel gran trambusto che segue la giovane e disinibita Nellie LaRoy – la bella e brava Margot Robbie – viene notata, ottiene una piccola parte in un film muto e diventa una star. 

Ma Hollywood è alla vigilia di una rivoluzione: il primo film sonoro, “Il cantante di Jazz”, arriva nelle sale nel 1927 e il suo clamoroso successo cambia tutto: stronca carriere, ne crea di nuove, e trasforma il cinema degli esordi, tutto genio e sregolatezza, in una impresa commerciale che non lascia spazio alle improvvisazioni.

Attraverso le vicende di Nellie, del divo del muto Jack Conrad, interpretato da un monumentale Brad Pitt, e del giovane tuttofare messicano Manny Torres con il volto di Diego Calva, “Babylon” racconta questa trasformazione con l’aiuto di una brillante sceneggiatura, che alterna il registro comico a quello tragico, il grottesco al sentimentale.

Una citazione a parte, come sempre nei film di Chazelle, merita la colonna sonora, opera di Justin Hurvitz. E non è un caso che uno dei momenti emotivamente più forti di un film pieno di emozioni sia il tormento di un trombettista nero costretto dagli studios a scurirsi la pelle per sembrare ancora più nero.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI