American Fiction

Se non ne potete più degli eccessi della cosiddetta cultura woke, che negli Stati Uniti – ma anche in parte qui da noi – ha trasformato una sacrosanta battaglia contro le ingiustizie razziali e sociali in una insensata caccia alle streghe nei confronti del passato, allora “American Fiction”, del regista afroamericano Cord Jefferson, è il film che fa per voi.

Il film si apre con una scena emblematica.  Thelonious Ellison, interpretato dall’ottimo Jeffrey Wright, è uno scrittore che insegna letteratura inglese all’università. Oggetto della lezione è il racconto breve “The Artificial Nigger”, di Flannery O’Connor, scritto nel 1955. Ellison scrive il titolo sulla lavagna, e una studentessa insorge perché la parola “nigger” la urta. Lui le fa notare che si tratta del titolo di un racconto, e che in ogni caso l’unico ad essere urtato dovrebbe essere lui, visto che è l’unico in classe ad avere la pelle nera. Lei insiste, lui la caccia dall’aula e l’università lo sospende senza stipendio. Nelle settimane successive sua sorella muore, sua madre si ammala, e il suo ultimo libro viene rifiutato da molti editori perché “troppo raffinato e non abbastanza nero”. Depresso, si dà al bere, e nei fumi dell’alcol butta giù un romanzo senza capo né coda, che propone tutti gli stereotipi dei romanzi di genere e li racconta con un linguaggio artefatto che rifà il verso al presunto modo di parlare dei neri. Il successo è travolgente, ma i suoi problemi non sono finiti.

Il film è uscito nel 2023 e ha avuto un buon successo negli Stati Uniti, dove evidentemente il problema degli eccessi del politicamente corretto è molto sentito. Dalle sale italiane è scomparso presto, ma da qualche giorno è disponibile su Prime Video.  Tra l’altro, ha vinto l’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale, perché  segue fedelmente la trama del romanzo “Erasure”, scritto nel 2001 da Percival Everett. Anche lui, manco a dirlo, afroamericano.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI