Cézanne e i suoi magnati

A Martigny, a pochi chilometri dal confine italo-svizzero per chi passa dal Gran San Bernardo, si può visitare fino al 19 novembre una delle mostre più interessanti dell’estate: Paul Cézanne, il canto della Terra.

Un appuntamento da non perdere, perché la fondazione Pierre Gianadda è riuscita a raccogliere dai musei di tutto il mondo una grande quantità di opere che raramente vengono concesse in prestito: una cinquantina di paesaggi, dodici nature morte, quindici ritratti di amici e autoritratti, e una decina di composizioni legate al tema dei bagnanti, senza contare i disegni, gli appunti, le lettere. Un risultato straordinario per una istituzione che non dispone di opere proprie da dare in cambio, e tuttavia non eccezionale per la Gianadda, che dall’anno della sua fondazione, il 1978,  ha portato a Martigny più di dieci milioni di visitatori, attratti dai nomi di  Van Gogh, Picasso, Degas, Chagall, Monet, Modigliani, e di tanti altri protagonisti della pittura e della scultura mondiali.

Tutto il merito va al nipote di un immigrato piemontese, Léonard Gianadda, un eclettico ingegnere e magnate dell’edilizia svizzera, che seppe fermare le ruspe quando, scavando per le fondamenta di un grattacielo, riportarono alla luce i resti di un tempio gallo romano, e istituì una fondazione per ricordare un fratello morto. Oggi a Martigny si possono ammirare, oltre ai capolavori delle esposizioni temporanee, il tempio restaurato, un museo archeologico, una ricca collezione d’auto d’epoca, i ritratti fotografici di Cartier Bresson ai suoi amici intellettuali. E per chi ama la musica ci sono i concerti di musicisti prestigiosi, da Pollini a Isabelle Faust.

Visitare la Gianadda almeno una volta all’anno è uno dei piaceri dell’esistenza, appena turbato dalla pessima qualità del buffet del parco, dove i cartelli invitano a calpestare l’erba per meglio osservare le sculture esposte in plein air, che non sfigurano con le opere esposte all’interno. Bastano i nomi di Rodin, Moore, Brancusi, Chagalla, Chillidà, Penalba e  Dubuffet per rendere l’idea?

Tanta abbondanza è possibile soltanto a condizione di avere a disposizione fondi illimitati, ma i fondi, da soli, non bastano. Serve intelligenza, gusto per i bello, voglia di conoscere il mondo, e anche, in una certa misura di cambiarlo.  A giudicare dalle note biografiche – esposte in un padiglione separato insieme ad alcune belle foto in bianco e nero scattate in gioventù – Gianadda non è privo di questi requisiti, che lo rendono simpatico nonostante l’evidente egocentrismo. 

Sicuramente meglio lui di un altro magnate svizzero  Emil Georg Eric Bührle.  Anche a Bührle, grandissimo collezionista d’arte morto nel 1956,  è stata intitolata una fondazione, che tra l’altro ha fornito alla Gianadda alcuni dei Cézanne esposti. Peccato che i soldi di famiglia siano derivati dal traffico d’armi – l’azienda di famiglia è la Oerlikon che equipaggiava tra gli altri gli aerei tedeschi e giapponesi durante la seconda guerra mondiale – e che sulla provenienza di alcune delle opere della collezione esista l’ombra nera del sospetto: potrebbero essere il frutto delle spoliazioni delle famiglie ebree. A Emil Georg infatti, i nazisti stavano assai simpatici. Un vizietto che il padre ha trasmesso al figlio Dieter, uomo dichiaratamente di destra e a suo tempo aperto sostenitore dell’apartheid in Sudafrica.

Non tutti i magnati sono uguali.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI