Kleo, tra spionaggio e satira

Kleo è una giovane comunista della DDR  cresciuta nel mito del partito e addestrata dalla Stasi a compiere pericolose missioni all’estero. Nel 1987 riceve l’incarico di eliminare uno sconosciuto in una discoteca di Berlino Ovest, ma al suo ritorno in patria finisce in carcere con l’accusa di tradimento. Ne esce solo dopo il crollo del muro grazie a una amnistia per i detenuti politici, e decide di vendicarsi di tutti coloro che l’hanno incastrata. La aiutano nella impresa, dai risvolti imprevisti, un efebico giovanotto convinto di venire dallo spazio e un poliziotto imbranato che si innamora di lei.

Da poco disponibile su Netflix, la miniserie tedesca “Kleo” non è inquadrabile in un genere definito, perché mescola abilmente gli ingredienti tipici dei film di spionaggio con la satira sociale e una robusta dose di umorismo nero, esaltato dalla recitazione della giovane Jella Haase nei panni della fanatica che lentamente prende coscienza della realtà. 

La trama si sviluppa senza annoiare, intrecciando le vicende della protagonista e dei suoi strampalati amici con quelle di personaggi reali come Margot, la potente e odiata moglie dell’allora  presidente della repubblica Honecker, e l’ex capo della Stasi Mielke.

La parte più interessante della serie è però la corrosiva descrizione della vita nella DDR, con i suoi grigi burocrati e una popolazione indottrinata e disillusa, alle prese con gli enormi problemi della transizione al capitalismo. Il tutto in una atmosfera che ci si aspetterebbe plumbea, ma diventa quasi fiabesca  grazie a una regia che punta tutto sul grottesco e sui colori vivaci di una curatissima fotografia.  

Insomma, le otto puntate di “Kleo” sono la scelta giusta per chi vuole passare qualche ora divertendosi in modo intelligente. E pazienza se il finale lascia un po’ a desiderare. È il prezzo che si paga quando gli sceneggiatori devono lasciare aperta la possibilità di una seconda serie.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Il nostro 25 aprile

Quarantacinque minuti di video, in rete, sono una eternità. E tuttavia vogliamo provarci oggi, 25 aprile,  proponendovi nella…
LEGGI
LEGGI

Storie mondiali, Inghilterra 1966

L’11 luglio la Regina Elisabetta dichiara aperta ufficialmente l’ottava edizione della coppa Rimet. I padroni di casa sono…
LEGGI
LEGGI

Il calcio silenzioso di Scirea

Era il 1974 quando quel ragazzo cresciuto a silenzi e calcio dall’oratorio di Cernusco sul Naviglio e poi nell’Atalanta…
LEGGI