Il fantasma dei fatti

Negli anni Cinquanta l’Italia era un paese all’avanguardia. L’Olivetti di Adriano Olivetti e del brillante ingegnere Mario Tchou combatteva ad armi pari con i giganti americani nel nuovo settore dell’informatica. L’Eni di Enrico Mattei agiva da protagonista nel mercato mondiale del petrolio. Il CNEN di Felice Ippolito investiva ingenti risorse nelle tecnologie nucleari. In campo medico l’Istituto Superiore di Sanità guidato da Domenico Marotta coinvolgeva scienziati e futuri premi Nobel nelle sue ricerche. Ma tutto questo finì in meno di tre anni, con l’infarto di Olivetti, la morte in uno strano incidente di Tchou, il sabotaggio dell’aereo di Mattei, e due inchieste giudiziarie che mandarono ingiustamente in carcere Ippolito e Marotta. A gestire l’inevitabile declino,  arrivarono piccoli uomini privi di visione strategica e attenti soltanto agli interessi dei partiti che li avevano scelti.

Fu davvero un caso?  Bruno Arpaia, scrittore e traduttore di fama internazionale, pensa di no. E nel suo ultimo libro, “Il fantasma dei fatti”, pubblicato da Guanda, ricostruisce quello che accadde in una chiave soltanto in parte romanzesca, perché è solidamente sorretta da documenti ufficiali, inchieste giornalistiche e minuziose ricerche d’archivio. Al centro della narrazione c’è un personaggio realmente esistito, Thomas Karamessines, uomo della CIA coinvolto in molti degli affari sporchi dell’Agenzia, dalla Baia dei Porci all’assassinio di Kennedy, dalla cattura del Che in Bolivia al golpe contro Salvador Allende. Karamessines fu a capo della CIA di Roma tra il 1961 e il 1963, e Arpaia immagina che nel 1978, ormai in pensione e subito prima di morire per un infarto che nel romanzo è provocato, abbia avuto il tempo di raccontare la sua verità.

“Il fantasma dei fatti” è un libro che affascina e inquieta. Si legge d’un fiato, e lascia al lettore l’amaro in bocca per quello che avrebbe potuto essere e non fu. Perché se è vero che alcune parti del libro sono dichiaratamente frutto della fantasia, è altrettanto vero che il suo contesto è drammaticamente reale.  È la storia del nostro paese. È la nostra storia.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI