Tra spot e sport

Dal centro di Courmayeur alla vetta del Monte Bianco, lungo la via italiana resa insidiosa dal caldo eccezionale di questi giorni, e ritorno alla linea di partenza. Di corsa, in sei ore, 43 minuti e 52 secondi, battendo di due minuti il record precedente, che resisteva da venti anni. L’impresa è del valtellinese Marco De Gasperi, cinque volte campione del mondo di corsa in montagna, che nel corso della salita è stato assistito – ma non aiutato – da un team di esperti che ha garantito la  sicurezza nei tratti più impegnativi. Comunque la si voglia giudicare, non si può negare che questa prestazione pericolosamente al limite tra spot e sport  abbia dell’incredibile, e che soltanto un atleta straordinario, con alle spalle migliaia di ore di allenamenti durissimi, poteva pensare di farcela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Tocca al Milan

Coppa dei Campioni 1962-1963. Finalmente sale sul tetto d’Europa una squadra italiana, si tratta del Milan di Nereo Rocco…
LEGGI
LEGGI

Morte di un traditore

Pensate a quando eravate bambini: muri e palloni non sono mai andati d’accordo. Certo, con un po’ di gesso ci…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI