Pietre miliari

Ueli Steck ci aveva messo un’ora e 56 minuti. Nei giorni scorsi Dani Arnold lo ha battuto. Appena un’ora e 46 minuti per salire la parete Nord del Cervino nel centocinquantesimo anniversario della prima scalata. E la sfida continua. Qualcuno, con nuovi materiali, nuovi metodi di allenamento e la stessa voglia di stupire, sempre naturalmente ripreso dalle telecamere pagate dagli sponsor, farà ancora meglio. Video come questo hanno tutto quello che serve per interessare un vasto pubblico: un ambiente mozzafiato, gesti atletici di uomini che rischiano la vita, immagini e montaggio tecnicamente ineccepibili. Ma più se ne vedono, più ci si domanda se imprese come quella di Arnold abbiano ancora un senso, e per quanto ancora l’alpinismo dei record continuerà ad avere successo. Il rischio della saturazione è concreto. E l’effimera notorietà dei suoi protagonisti non è sicuramente paragonabile a quella che hanno avuto personaggi come Hillary, Bonatti, Messner, per citare soltanto i più noti. Loro sì, vere pietre miliari di una grande storia, fatta non soltanto di straordinarie scalate, ma anche di esplorazione e di voglia di capire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI
LEGGI

Chi nutre il pianeta

“Ai miei tempi  – dice ridendo Carlin Petrini agli amici  – si chiamava colletta. Adesso si preferisce l’inglese “crowdfunding”, ma…
LEGGI
LEGGI

Il diritto di uccidere

Dalla batosta vietnamita  gli sconfitti hanno imparato una grande lezione. Le guerre si possono fare, a patto che…
LEGGI