Il Caminito del Rey

Se non soffrite di vertigini e avete voglia e tempo di raggiungere Malaga in questo ponte del primo maggio, potreste percorrere il Caminito del Rey, spettacolare almeno quanto terrificante sentiero.

Costruito in cemento tra il 1901 ed il 1905 dalla Sociedad Hidroeléctrica del Chorro per facilitare l’accesso a due cascate di sua proprietà, fu percorso nel 1921 dal re Alfonso XIII, che intervenne all’inaugurazione della diga del Conde del Guadalhorce.
Da allora il percorso ha preso il nome di Caminito del Rey.
Lungo tre chilometri, largo appena un metro e sospeso fino a cento metri di altezza lungo le pareti verticali che sovrastano il sottostante fiume, è ormai in condizioni fatiscenti, privo di baluastre e con molti tratti crollati e pericolanti.
Teatro già di incidenti mortali occorsi ad escursionisti, è stato vietato dalle autorità spagnole che hanno anche demolito il tratto iniziale.
Bisogna quindi anche scalare una parete per potervi accedere ma, come si vede nel video che vi proponiamo, sembra che qualcuno continui ad aggirare il divieto.
Buona gita, si fa per dire! Ma forse, invece di fare follie, è davvero meglio accontentarsi del video ed evitare guai e brutte conseguenze…

 

2 comments
    1. Il Caminito è un percorso che è di recente stato stato vietato dalle autorità spagnole. Queste ultime, come abbiamo già scritto, hanno pure demolito il tratto iniziale per dissuadere i reticenti. Considerato il numero degli incidenti mortali capitati negli ultimi anni, preferiamo anche noi limitarci al video, senza fornire ulteriori indicazioni. Il post, d’altra parte, aveva solo lo scopo di stupire, non di invitare la gente a percorrere un tracciato in più punti franato e con strutture pericolanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI
LEGGI

L’ultimo lupo

E’ arrivato in questi giorni nelle sale italiane “L’ultimo lupo” del regista francese Jean-Jacques Annaud,  una coproduzione franco-cinese…
LEGGI
LEGGI

Il diritto di uccidere

Dalla batosta vietnamita  gli sconfitti hanno imparato una grande lezione. Le guerre si possono fare, a patto che…
LEGGI