Ancora sul time-lapse

Qualche giorno fa, proponendo un video dell’americano Tim Lowe interamente costruito in time-lapse, abbiamo chiesto il vostro parere su questa tecnica, che non è una novità assoluta, ma negli ultimi anni è diventata accessibile a tutti grazie al digitale. Basta scegliere un buon punto di osservazione, piazzare la telecamera o la macchina fotografica su un un solido cavalletto, e…aspettare. Non sempre  però i risultati sono all’altezza delle aspettative, e la rete è stata inflazionata da prodotti tecnicamente ineccepibili e di una noia mortale. Ci sono casi, invece, dove l’uso del time-lapse è giustificato, e ottiene risultati spettacolari. Come in questo video di Shawn Knol, che ha ripreso la fusione del ghiaccio con strumenti semplicissimi: una macchina fotografica digitale con un obiettivo da 105 mm, corredata con estensioni per la macrofotografia e un filtro polarizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI
LEGGI

L’ultimo lupo

E’ arrivato in questi giorni nelle sale italiane “L’ultimo lupo” del regista francese Jean-Jacques Annaud,  una coproduzione franco-cinese…
LEGGI
LEGGI

The way back

Con due anni di ritardo, è finalmente arrivato nelle sale italiane l’ultimo film di Peter Weir, il regista…
LEGGI