Storie mondiali, Inghilterra 1966

L’11 luglio la Regina Elisabetta dichiara aperta ufficialmente l’ottava edizione della coppa Rimet. I padroni di casa sono i favoriti alla vittoria finale, gli inglesi non possono farsi sfuggire la ghiotta occasione. L’Italia vuole lasciarsi alle spalle la disastrosa spedizione cilena. Partiamo bene: ci prendiamo la rivincita sul Cile (2–0), perdiamo 1-0 contro l’URSS, una sconfitta che non ci scompone, ci attendono i “Ridolini” nord coreani e già pregustiamo una passeggiata di salute.

A Middlesbrough, va in scena il drammone grottesco. Il nostro CT “Mondino” Fabbri, secondo la critica, non ne ha azzeccata una: abbiamo giocato male con russi e cileni e con i coreani facciamo la stessa cosa. In campo scende una formazione sbilanciata e priva di logica e Fabbri getta nella mischia anche il malconcio Bulgarelli. Il tiro di Pak Doo Ik è un siluro che ci trancia il cuore. Perdiamo Bulgarelli che si scontra duramente con un coreano, in dieci siamo incapaci di riagguantare la qualificazione. Da non credere: la Corea del Nord ci manda a casa, per la più grande “sciagura” sportiva della storia del nostro calcio. In Italia ci attendono le solite pomodorate, per l’ultimo e terribile affronto.

Cade anche il grande Brasile, impegnato a Liverpool. I carioca battono la Bulgaria (2-0). Pelè segna la prima rete, ma viene martirizzato dai ruvidi difensori bulgari. “O Rei” salta la seconda gara con l’Ungheria, che il Brasile puntualmente perde: 3-1. Portogallo e Brasile è dunque decisiva per il passaggio del turno. Pelè torna in campo e prova a giocare a calcio, mentre il suo aguzzino Moraes, difensore portoghese, preferisce giocare a calci. Simoes ed Eusebio brutalizzano i Bicampeao. Rildo accende ancora una speranza per la seleçao, ma è sempre Moraes il protagonista: azzoppa definitivamente la “perla nera” che da adesso in poi fa solo atto di presenza. Chiude Eusebio per il 3 a 1 finale con una staffilata delle sue. Proseguono il cammino, senza infamia e senza lode, anche gli inglesi che vincono il proprio girone con Messico, Uruguay e Francia.

Ai quarti l’U.R.S.S. passa sull’Ungheria (2–1), “i figli di sua Maestà” vincono con una rete di Hurst sull’ Argentina (1-0), la Germania Ovest ne rifila 4 all’Uruguay. La partita più spettacolare è quella che vede opposti i portoghesi alla rivelazione nord coreana. Passano avanti di 3 gol i coreani: incredibile! Ma ancora più incredibile è la risposta del Portogallo: Eusebio ne fa quattro, chiude il discorso Josè Augusto per il 5-3 finale. Il mondiale, oramai orfano di Pelè, si gusta la nuova stella del calcio mondiale, Eusebio fuoriclasse straordinario del Benfica, centravanti veloce e completo dal tiro micidiale. Le semifinali premiano inglesi e tedeschi, la Germania Ovest supera l’URSS 2–1, l’Inghilterra ha la meglio sulla compagine di Eusebio (2-1). Eusebio esce dal campo in lacrime. La “Pantera Nera” si consola pochi giorni dopo, conquistando il terzo posto nella finalina con l’URSS (2-1) e vincendo la classifica marcatori con 9 realizzazioni. Eusebio è da tutti considerato la vera stella del mondiale.

Il 30 luglio Wembley è pieno come un uovo, di fronte Inghilterra e Germania Ovest, due squadre simili, che praticano un calcio ruvido e impetuoso. Passano i teutonici con Haller al 12′, rispondono gli inglesi con Hurst dopo solo sei minuti. La Germania è trafitta per la seconda volta da Peters e quando tutto sembra finito , Weber pareggia a tempo scaduto. Si va ai supplementari, trascorrono 11 minuti e il pallone calciato in porta da Hurst incoccia contro la traversa e ricade a terra tra i festeggiamenti inglesi. L’arbitro Dienst non ha visto nulla e si consulta con il guardalinee, il quale non esita a convalidare la rete tra le proteste tedesche. Un dubbio su questo gol fantasma che non ha nemmeno risolto la Super moviola di “Biscardone”. Chiude Hurst per il 4 a 2 finale. L’ Inghilterra è campione del mondo per la prima volta. Bobby Charlton alza la coppa Rimet e anche i maestri del calcio entrano nella storia.

Marco Patruno

Potrebbero interessarti
LEGGI

La doppietta del Benfica

La sesta edizione della Coppa dei Campioni, nella stagione 1960-1961, segna la fine del dominio del Real Madrid. Il…
LEGGI
LEGGI

Cinque volte Real Madrid

Iniziamo oggi, con Marco Patruno, una panoramica sulla storia della Coppa dei Campioni, oggi il trofeo più ambito…
LEGGI
LEGGI

Morte di un traditore

Pensate a quando eravate bambini: muri e palloni non sono mai andati d’accordo. Certo, con un po’ di gesso ci…
LEGGI
LEGGI

Tra Inter e Juve

Ci vorrebbe uno così. Che sapeva stare di qua e di là senza essere un voltagabbana. Univa mondi lontani, quasi ostili.…
LEGGI
LEGGI

Non sempre si può vincere

Il problema è sempre lo stesso: imbattibili o quasi in Italia, balbettanti in Europa. Solo chi osserva con…
LEGGI