Il dilemma di Pérez-Reverte

Il romanziere spagnolo Arturo Pérez-Reverte non è un fottuto reazionario. Non lo è perché è un uomo colto. Non lo è per l’apertura mentale e l’attenzione al diverso che gli vengono dalla passione per il mare e le esplorazioni. Non lo è per quello che ha imparato dalle troppe guerre seguite come inviato per i giornali e le televisioni spagnole. Il meno noto dei sui libri,“Territorio Comanche”,  è una straordinaria, intensa e sofferta riflessione sulla guerra nella ex Jugoslavia, vissuta in prima persona, e sui disastri generati dall’odio etnico. Ed è per questo che la sua intervista comparsa sul Corriere a firma di Elisabetta Rosaspina colpisce in modo particolare.  Non per le cose che dice, che non sono nuove, ma per il fatto che a dirle, dopo il sangue versato negli ultimi attentati in Europa,  sia uno come lui.   

Pérez-Reverte invita a  guardare in faccia la realtà: c’è una guerra, una guerra santa e l’Europa non può vincerla con il dialogo. “Dopo 21 anni come inviato di guerra in Medio Oriente – dice – mi è ormai chiaro che l’Islam è incompatibile con la democrazia. Una società retta da leggi religiose non è compatibile con una società basata su leggi democratiche. Quando gli uomini credono di non dover temere altri che Dio, non si fermano davanti a nulla. Questo è il fanatismo religioso e non lo si contrasta con il buonismo, né con la timidezza, né con la codardia“. Da qui l’invito a reagire, sapendo “che la nostra democrazia, i grandi progressi, le idee generate dalla Rivoluzione francese ci mettono in condizione di inferiorità“.

Ecco allora il dilemma di Pérez-Reverte: “non dobbiamo dimenticare quanto è costato all’Occidente, in termini di secoli, di sofferenze, di sforzi e di sangue, liberarsi dai fantasmi oscuri imposti anche dalla nostra religione: l’Inquisizione, i processi e le carceri ecclesiastiche.  Il mondo si globalizza e l’immigrazione non solo è inevitabile, ma è benvenuta. Abbiamo bisogno degli immigrati, per ragioni demografiche e come forza lavoro giovane, ma non possiamo rinunciare al lungo cammino fatto dalla nostra civiltà, né retrocedere. Nessuno può esigere che che torniamo al Medio Evo, perché ci è costato molto uscirne“.

Secondo Pérez-Reverte i governi europei mentono ai loro cittadini, nascondono loro la situazione: “la verità è che non siamo preparati alle sfide in arrivo. Abbiamo creduto che la violenza esistesse lontano da noi: in Siria, in Iraq, o in Nicaragua e Salvador, dimenticando che la violenza è ovunque nel mondo; e adesso ci stiamo bruscamente risvegliando. Dobbiamo educare i nostri figli a vivere nella realtà e a non credersi a Disneyworld. Con violenza e dolore si dovrà convivere, perché il mondo è popolato di violenti e non soltanto per motivazioni religiose. La violenza può essere dettata dall’ambizione o dalla lussuria e può rompere in ogni momento il paradiso idilliaco in cui credevamo di vivere. Ma la realtà s’impone sempre: durante il fascismo in Italia, come durante il franchismo in Spagna o, più recentemente, nei Balcani“.

Pérez-Reverte non propone soluzioni, ma si dice pessimista. E il suo pessimismo fa riflettere molto più delle concitate grida di tanti improvvisati difensori della civiltà occidentale.”Dal mio punto di vista – è la sua amara conclusione – l’Europa non ha questa capacità di resistenza, per mancanza di coraggio. A lungo termine, sarà una guerra persa“.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Come sfasciare un paese

Ece Temelkuran è una giornalista e scrittrice turca che ha lavorato per importanti giornali e per la televisione,…
LEGGI
LEGGI

I furbetti dell’auto

Non è la prima volta che sul gruppo FCA si addensano nubi per presunti comportamenti poco corretti. L’ultimo…
LEGGI
LEGGI

Oltre il ponte cambia volto

Siamo nati sette anni fa come Segnavia54, e ci occupavamo di montagna. Un piccolo sito specializzato per chi…
LEGGI
LEGGI

Rosso Scuola è on line

Rosso Scuola, il nostro documentario sugli anni della contestazione visti attraverso le vicende del liceo classico Gioberti di…
LEGGI
LEGGI

Più sei ricco, più inquini

Più sei ricco, più inquini. Il sospetto c’era. Adesso però lo conferma un serissimo studio del Centro di…
LEGGI
LEGGI

Dopo il voto in Umbria

Paolo Furia, segretario regionale del PD piemontese, ha messo in rete le sue considerazioni sul risultato del voto…
LEGGI