Sempre il solito Renzi

L’ennesima intervista a Matteo Renzi, questa volta sul Corriere della Sera a firma di Maria Teresa Meli, è roba per stomaci forti. Il capo di Italia Viva, l’unico partito al mondo che ha più eletti che elettori, sciorina tutto il consueto repertorio: quanto era stato bravo quando era al governo, quanto erano stati ciechi quelli che allora non avevano capito le sue brillanti intuizioni in materia costituzionale, sociale e di difesa del territorio,  quanto sono stupidi  quelli che oggi si ostinano a  non prendere in considerazione le sue proposte per il rilancio dell’economia. E conclude con lo scontato  messaggio sulla necessità di sostenere il governo per non fare un regalo a Salvini, serenamente sorvolando sul fatto che il primo ad attaccare il governo, nelle scorse settimane, è stato proprio lui. 

Sempre il solito Renzi, insomma, tutto slogan e spregiudicate giravolte, incapace di rendersi conto di avere fatto il suo tempo. Come hanno abbondantemente dimostrato le ultime elezioni politiche, perfino un elettorato tradizionalmente disposto a bersi quasi tutto pur di non fare i conti con la realtà, non lo sopporta più: nel genere “cacciaballe” oggi è decisamente più trendy Salvini. 

Resta da capire perché a questo plurisconfitto e squalificato personaggio il sistema dei media continui a riservare tante attenzioni. Nel campo della maggioranza è uno dei politici più gettonati. Va in televisione, rilascia interviste, e viene continuamente citato come se quello che dice fosse davvero di importanza fondamentale per le sorti del paese. E sempre senza contraddittorio, secondo le pessime abitudini che il giornalismo italiano ha preso nel corso degli anni, frequentando troppo da vicino gli ambienti del potere. 

Accade soltanto per la forza dell’abitudine, o dietro c’è un disegno più sottile, che mira a riaccreditare Renzi come un possibile leader di un centro-sinistra molto di centro e poco di sinistra, alternativo alla destra salviniana? Al momento questo potrebbe sembrare uno scenario fantapolitico slegato dalla realtà, e c’è da sperare che sia così. Ma in questi ultimi anni la politica italiana ci ha dimostrato che al peggio non c’è mai un limite.

Battista Gardoncini

Potrebbero interessarti
LEGGI

La sinistra al bivio

I numeri – almeno quelli – sono chiari. Più della metà dei consensi che hanno portato i Cinque…
LEGGI
LEGGI

I ribelli della montagna

Senza le Alpi e gli Appennini, non ci sarebbe stata la Resistenza. I ribelli della montagna dettero un…
LEGGI
LEGGI

Oltre il ponte

Dunque eccoci qua. Una nuova testata, Oltre il ponte, che guarda alle trasformazioni sociali, all’ambiente, a quel che…
LEGGI
LEGGI

Le promesse di Vito Crimi

Chiunque abbia sentito parlare per almeno cinque minuti il sottosegretario con delega all’editoria Vito Crimi conosce i limiti…
LEGGI
LEGGI

Cari compagni…

Cari compagni, continuate pure così e tra cinque anni ci toccherà scegliere se votare Cinque Stelle o Lega.…
LEGGI
LEGGI

Olimpiadi e buon senso

Applausi scroscianti hanno accolto la resa del presidente del Coni Malagò, che poco fa ha annunciato commosso la…
LEGGI