Dubbi vecchi e nuovi sui gas di Assad

Le inchieste di Seymour Hersh, decano dei giornalisti investigativi americani e premio Pulitzer per  i servizi sulla strage di My Lai commessa nel 1968 in Vietnam dai marine, sono una boccata d’aria fresca in un panorama informativo dominato dal  conformismo e dall’incompetenza, dove il giornalismo cede sempre più spesso il passo alla propaganda. La vicenda  dei gas che Assad avrebbe usato nei giorni scorsi a Iblil contro la popolazione civile uccidendo 70 persone tra cui molti bambini è da questo…

Breve storia della produzione TV

La Televisione in Italia si è sviluppata in regime di monopolio pertanto la sua storia coincide largamente con la storia della RAI. Pur in presenza della rivoluzione derivante dall’ingresso della TV commerciale nel settore, si possono ancora individuare nel sistema italiano, anche nella TV privata, i segni di questo “imprinting”. Come avviene per i nuovi media la nascita della TV viene vista da molti con sospetto. All’interno della RAI molti temono di essere trasferiti in TV ritenendo che continuerà ad…

Il grande gioco

Giugno 1842. Sulla piazza centrale di Buchara il boia decapita il colonnello Charles Stoddart e il capitano Arthur Connoly. Erano uomini dei servizi segreti inglesi,  due pedine della partita che si svolgeva tra l’impero britannico e la Russia zarista per il controllo degli immensi e quasi sconosciuti territori del  Caucaso e dell’Asia centrale. La loro esecuzione per mano dell’emiro Nasrullah Khan, che avevano tentato di convincere ad allearsi con gli inglesi, è raccontata nel primo capitolo de “Il grande gioco”,…

Preghiera per Černobyl’

Ricordo perfettamente Černobyl’. Quel disastro ha coinciso con il mio primo servizio televisivo. Era successo da pochi giorni e sono andato in giro a fare interviste. Non si conoscevano ancora i contorni, ma dieci anni prima c’era stato Seveso e la gente aveva familiarizzato con la parola diossina. A Černobyl’ però era un’altra cosa. A Porta Palazzo gli ambulanti erano incazzati perché non potevano vendere le verdure a foglia larga. Le madamin che facevano la spesa erano più scandalizzate che…

L’ultimo volo di Miss Charlotte

Nella notte del 10 settembre 1944 il bombardiere americano “Miss Charlotte”, un B17 partito da Algeri per paracadutare aiuti alle formazioni partigiane della Valle Pesio, perse la rotta a causa del maltempo e si schiantò sul Gran Miol, in Valle Argentera. Per i nove uomini dell’equipaggio – il pilota John R. Meyers, il copilota Darl J. Heffelbower, il navigatore Ian S. Raeburn, il bombardiere Raymond L. Wilson, l’operatore Radio Ernest G. Kolln, e gli addetti alle mitragliere Donald C. Pullis,…

Gay non basta più

Se la sono presa comoda, e alla fine, dopo 3-4 mesi tra prime voci, polemiche, designazione, nomina, firma del contratto e periodo di riflessione, ecco in carne ed ossa il nuovo direttore del festival di cinema gay, Irene Dionisio. Se la sono presa talmente comoda che hanno dovuto spostare in avanti, di un mese e mezzo, le date della rassegna: il nuovo periodo è dal 15 al 20 giugno. Il cambiamento di date per un festival è sempre un’incognita, ma…

Parola e verità nell’era del web

Nei giorni scorsi il Polo del ‘900 di Torino ha ospitato World Cafè, una mattinata di riflessione su tre temi di grande attualità: il rapporto tra la parola e la verità, la robotica e il web, i luoghi in divenire e le nuove comunità. Gli invitati hanno ascoltato tre brevi relazioni introduttive, poi si sono divisi in gruppi di lavoro che hanno approfondito gli argomenti e hanno raccolto le loro conclusioni in appunti da consegnare a un successivo dibattito nell’ambito della Biennale Democrazia. Pubblichiamo qui…

La silenziosa protesta di Jorge Carrascosa

Chiudete gli occhi e immaginate: alzare la coppa del mondo, con la maglia della propria nazionale, davanti al proprio pubblico. Chi da bambino non ha mai fatto un sogno così? Un sogno, appunto. Si sarebbe disposti a tutto per realizzarlo. A tutto, forse, o quasi. Perché c’è anche chi a quel sogno ha deciso di rinunciare, perché non era giusto e perché non ne valeva la pena. La storia del gran rifiuto di Jorge Carrascosa è una delle più belle che…

L’incerto futuro della TGR

C’era una volta in Piemonte una piccola redazione RAI. Nel 1980 fu rafforzata per mandare in onda il nuovo telegiornale regionale, e nel corso degli anni continuò a crescere, completando la sua informazione locale con altri appuntamenti televisivi e radiofonici, fornendo la copertura del territorio per tutte le testate RAI, e realizzando, unica in Italia, due settimanali nazionali, Ambiente Italia e Montagne, e il telegiornale scientifico Leonardo.  Il tutto con un organico di una sessantina di persone tra giornalisti operatori…