Salvate il Grand Canyon

Gli ambientalisti americani sono sul piede di guerra. Temono che uno dei luoghi più belli, selvaggi e simbolici degli Stati Uniti, il Grand Canyon, sia in pericolo, e invitano alla mobilitazione.

Le minacce a quella che viene considerata una delle sette meraviglie naturali del pianeta sono di tre tipi. La prima, e più immediata, riguarda il progetto Grand Canyon Escalade, che si propone di rendere facilmente accessibile, con un sistema di passerelle e un percorso su rotaia,  il fondo del Canyon alla confluenza tra i fiumi  Colorado e Piccolo Colorado. Qui dovrebbe  anche sorgere un ristorante con un negozio di souvenir e un punto di sosta. Si stima che ogni giorno almeno diecimila persone potrebbero raggiungere la zona, con tutti i rischi ambientali connessi: rumore, inquinamento, rifiuti.

La seconda minaccia è legata all’uranio. Nella zona ci sono antiche miniere abbandonate, che qualcuno vorrebbe esplorare con l’obiettivo di riprendere gli scavi. Il rischio di avvelenare il fiume, come era avvenuto fino al 1969, quando venne decisa l’interruzione delle attività.  Negli Stati Uniti vige attualmente una moratoria sull’estrazione dell’uranio, che però riguarda soltanto l’apertura di nuove miniere.

Infine c’e’ il problema dell’acqua. Nella città di Tusayan, ai confini meridionali del parco del Gran Canyon, sono stati approvati nuovi insediamenti turistici e commerciali, e il consumo d’acqua crescerà. Per trovarla  si vorrebbero effettuare nuove perforazioni, che potrebbe impoverire la falda acquifera della zona, con conseguenze difficili da valutare.

Gli ambientalisti chiedono all’amministrazione Obama di intervenire, ridimensionando il progetto Gran Canyon Escalade, rendendo definitiva la moratoria sull’uranio, e vincolando le scelte urbanistiche di Tusayan a una accurata ricognizione delle risorse idriche sotterranee disponibili. E si dicono convinti che sia possibile conciliare la tutela dell’ambiente con il  sacrosanto diritto  della nazione Navajo a ricavare dal suo territorio le risorse necessarie al benessere della popolazione locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

Pasquetta alla griglia

Renato Scagliola, come molti,  è in vacanza. Ma non ha voluto farci mancare una riflessione su quel che…
LEGGI
LEGGI

Adieu Maurice Herzog

Giovedì 13 dicembre, all’età di 93 anni, in una casa di riposo di Neuilly-sur-Seine, in Francia, è morto…
LEGGI
LEGGI

Le montagne di Roma

Con 272 sì, 153 no e 15 astenuti la camera ha definitivamente approvato la legge sull’Imu agricola, che…
LEGGI