Non sempre si può vincere

Il problema è sempre lo stesso: imbattibili o quasi in Italia, balbettanti in Europa. Solo chi osserva con distrazione il calcio può però sorprendersi dell’avvio stentato della Juve in Champions League. Da troppo tempo l’Italia non riesce a portare più di due squadre nella massima manifestazione continentale e  anche quest’anno i sogni della Roma si sono sciolti nel preliminare di Ferragosto. L’ultima vittoria risale all’Inter di Mourinho e se la Juve è riuscita due anni fa ad arrivare alla finale, lo deve a un sorteggio benevolo almeno fino alla semifinale.
Il resto è storia di stenti e spesso umiliazioni. Tra tutte le italiane la Juve è tuttavia la sola a poter vantare un’organizzazione davvero internazionale. Ha uno stadio di proprietà, una gestione economica accorta, un allenatore intelligente che, particolare non trascurabile, parla o almeno studia le lingue.
Cosa le manca dunque? I maligni, ma solo loro, parlano del famoso aiutino…
Alla Juve, a questa Juve, non manca invece proprio nulla per lottare per la Champions. La sola vera differenza rispetto al campionato italiano è che in Europa si incontrano squadre vere contro le quali si può vincere, pareggiare, e anche perdere. Come cantavano mezzo secolo fa i Rokes, non sempre si può vincere. Ma i tifosi bianconeri preferirebbero dimenticare che il titolo del brano era “Bisogna saper perdere”.
Il Trombettiere 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

Tocca al Milan

Coppa dei Campioni 1962-1963. Finalmente sale sul tetto d’Europa una squadra italiana, si tratta del Milan di Nereo Rocco…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

Morte di un traditore

Pensate a quando eravate bambini: muri e palloni non sono mai andati d’accordo. Certo, con un po’ di gesso ci…
LEGGI