Lavorare in montagna

Primo maggio, festa del lavoro. E il lavoro è anche il lavoro in montagna. Per la severità dell’ambiente, per la storia che è stata anche una storia di sacrifici e di spopolamento,  e anche purtroppo per la disattenzione di chi gestisce la cosa pubblica –  e sembra aver dimenticato che il settanta per cento del territorio nazionale è fatto di montagne e colline –  non è quasi mai un lavoro facile.

La vita dei montanari è in genere più faticosa e meno tutelata di quella nelle città e nelle pianure. Ma restando caparbiamente attaccati alla terra e ai suoi ritmi stagionali dimostrano a se stessi e agli altri che ne vale la pena. Lo dimostrano i vecchi, che difendono tenacemente usi e costumi di un tempo. E lo dimostrano anche i tanti giovani che hanno scelto di tornare nei paesi abbandonati dai nonni nel periodo del boom economico, e quelli che cercano nelle terre alte una  alternativa a un modo di vivere sempre più frenetico e privo di prospettive.

Per tutti loro, e per quelli che vorrebbero seguire la loro strada, l’Accademia della Montagna è un punto di riferimento. Costituita come fondazione, ha la duplice  missione di promuovere la conoscenza del territorio montano, valorizzandone le attività, e di difendere la valenza storica, culturale, socio-economica e sportiva delle terre alte. Nata in Trentino, l’Accademia della Montagna dedica particolare attenzione a quanto accade nella regione, ma la sua organizzazione in sottosezioni – ce ne sono quattro, la formazione alla montagna, la montagna accessibile, la città in montagna e sapere di montagna –  è  utile a tutti, in qualsiasi regione alpina o appenninica. E nel suo sito  si trovano informazioni, consigli, documenti e link essenziali per chiunque voglia tentare l’avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

Pasquetta alla griglia

Renato Scagliola, come molti,  è in vacanza. Ma non ha voluto farci mancare una riflessione su quel che…
LEGGI
LEGGI

Adieu Maurice Herzog

Giovedì 13 dicembre, all’età di 93 anni, in una casa di riposo di Neuilly-sur-Seine, in Francia, è morto…
LEGGI
LEGGI

Le montagne di Roma

Con 272 sì, 153 no e 15 astenuti la camera ha definitivamente approvato la legge sull’Imu agricola, che…
LEGGI