La libertà di stampa non si tocca

Si può fare spettacolo – e che spettacolo – anche partendo da una vicenda lineare nella sua semplicità e dall’esito passato alla storia:  la decisione dei giornali americani  di pubblicare le carte segrete del Pentagono sulla guerra del Vietnam nonostante le minacce dell’amministrazione Nixon. Basta chiamarsi Steven Spielberg e avere a disposizione due attori straordinari come  Meryl Streep, nei panni della proprietaria del Washington Post  Kay Graham, e di Tom Hanks, nei panni del suo combattivo direttore Ben Bradlee. The Post è il titolo del film, e vale davvero la pena di vederlo.

Il primo giornale a pubblicare parte delle carte, trafugate da funzionario che era stato in guerra e aveva visto quello che i politici nascondevano al Paese,  è il New York Times. Ma si ferma davanti alla ingiunzione di un giudice. Il Washington Post viene in possesso dello stesso materiale, e si trova davanti a un dilemma: piegarsi alle richieste del governo o andare avanti, nonostante i rischi per  la sopravvivenza del giornale e  per la libertà personale dei suoi vertici.

Chiamati a una decisione difficile, il mastino Bradlee e i suoi cronisti d’assalto non hanno dubbi. Bisogna pubblicare, costi quello che costi. Ma la decisione definitiva spetta alla signora Graham, che ha ereditato il giornale dal padre e lo gestisce in solitudine dopo il suicidio del marito. Una monumentale Meryl Streep dipinge il ritratto di una donna combattuta tra il timore di perdere tutto e la consapevolezza dell’importanza di una stampa libera e indipendente. I consiglieri economici, scettici sulla sua capacità di giudizio,  la esortano alla prudenza. Gli avvocati le prospettano pesanti conseguenze penali. Molti dei suoi amici fanno parte dell’establishment politico e culturale chiamato pesantemente in causa dalle carte.

Soltanto dopo il suo sofferto sì partono le rotative, seguite nei giorni successivi da quelle degli altri giornali. La corte suprema è costretta a smentire l’amministrazione Nixon: la libertà di stampa non si tocca, i giornali non sono al servizio dei governi, ma dei governati.

Pochi anni dopo sarà un’altra inchiesta del Washington Post a inchiodare Nixon con lo scandalo del Watergate.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI