Melotti tra scultura e musica

Lo stesso ineffabile senso della composizione che costituisce l’impalcatura della cattedrale dei suoni, da Monteverdi a Stravinsky, è vivo in trasparenza nell’ordito delle opere plastiche durature, da Giotto a Matisse“. Così Fausto Melotti, pittore, scultore, ceramista, scrittore e musicista competente e appassionato. Uno dei grandi dell’arte  del Novecento, che soltanto negli ultimi anni della sua vita – era nato a Rovereto nel 1901, morì a Milano nel 1986 – ebbe i riconoscimenti che meritava e ai quali peraltro non ambiva.

Una raccolta delle sue opere è in mostra in questi giorni al castello di Miradolo, la bellissima e purtroppo poco nota sede espositiva della Fondazione Cosso. Francesco Poli e Paolo Repetto l’hanno curata con rara intelligenza, facendo dialogare i suoi lavori con quelli degli artisti da cui è stato influenzato, e di quelli di cui è stato amico:  Depero, Martini, de Chirico, Morandi, Klee, Kandinsky, Miró, Calder, Fontana, Licini, Soldati, Gribaudo.

Le affinità del linguaggio scultoreo di Melotti con la musica sono sottolineate da una installazione sonora che accompagna il visitatore con le note e i silenzi di John Cage, mentre una raffinata illuminazione sottolinea i pieni e i vuoti delle opere esposte, e la loro straordinaria capacità di esistere nello spazio nonostante la leggerezza delle strutture e la povertà dei materiali utilizzati. Un video introduttivo, con una intervista a Melotti realizzata dalla televisione della Svizzera Italiana, è essenziale per una visita consapevole.

Davvero una mostra da non perdere. E’ aperta fino all’11 febbraio, ma attenzione: il castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo, è aperto al pubblico dal venerdì al lunedì. Negli altri giorni lo si può visitare soltanto su prenotazione. Tutte le informazioni sul sito www.fondazionecosso.com

Potrebbero interessarti
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI