Le verità di Catherine

Catherine Deneuve è la protagonista assoluta di “Le verità”, l’ultimo film del pluripremiato regista giapponese Hirokazu Kore’eda. A settantasei anni suonati ha ancora il volto che ha affascinato intere generazioni di spettatori, e mette la sua bravura al servizio di una storia dove una vicenda famigliare piena di tensioni e di cose non dette si intreccia con le finzioni del mondo del cinema.  Catherine interpreta l’anziana attrice Fabienne, impegnata nelle riprese di un film dove sente il peso di non…

Quando Joker era Fleck

Un Leone d’Oro meritato, quello vinto da “Joker” di Todd Philipps all’ultimo festival di Venezia, da pochi giorni nelle sale. Vale davvero la pena di vederlo, per la straordinaria prova d’attore di Joaquim Phoenix, per la regia mai banale, per la cupa bellezza della fotografia e delle musiche. Sappiate però che c’è poco da divertirsi, e che uscirete dal cinema oppressi dal peso di una vicenda di emarginazione e disagio sociale fin troppo verosimile. La storia è ambientata in una…

Gray non è Kubrick

Più di cinquanta anni fa Stanley Kubrick realizzò “2001 Odissea nello spazio”. Un capolavoro e anche un punto di riferimento per quasi tutti i registi che si cimentano con il genere fantascientifico. Non fa eccezione James Gray con “Ad Astra”, da poco nelle sale, che da Kubrick riprende esplicitamente l’idea di un lungo viaggio nello spazio il cui scopo ultimo non è l’esplorazione di mondi sconosciuti, ma la scoperta di quel che l’uomo nasconde dentro di sé e del senso…

O lo ami o lo odi.

O lo ami o lo odi. Quentin Tarantino non lascia mai indifferenti, come accade con i registi che hanno qualcosa da dire, e vanno per la loro strada senza preoccuparsi di piacere a tutti. Il suo nuovo film, “C’era una volta a… Hollywood”, non fa eccezione. La critica lo ha accolto con pareri discordanti, e anche il pubblico sembra un po’ frastornato da una vicenda che è soprattutto un appassionato omaggio alla storia del cinema, e solo nel finale torna…

La maledizione del Moloch

Sul Museo del cinema potrebbe essere caduta una sorta di Maledizione del Moloch, la cui spettacolare statua,  orgoglio stupefacente di Cabiria, domina la suggestiva sala centrale della Mole. Emulo di Tutankhamon, l’immaginifico dio di Pastrone e D’Annunzio, famelico e ingordo, chiede chissà quale sacrificio estremo – alla politica, per esempio, di non strafare con l’esercizio arrogane di un miope potere -, e da qualche anno non permette al suo museo di vivere in pace e all’onor del mondo come merita….

De Gaetano al Museo del Cinema

Un direttore “sperimentale” per il Museo del cinema. Non che si tratti di un esperimento e poi vediamo cosa succede, ma nel senso che il nominato si è distinto negli ultimi anni per aver affiancato illustri registi e artisti che con il suo contributo, avendo come punto di riferimento editoriale lui e Torino, hanno realizzato brevi video in cui il cinema incontra l’arte, la fotografia, la grafica, la musica, i libri, l’architettura, l’immagine rielaborata, talvolta scomposta, moltiplicata, frantumata. Oggi potremmo…

Martin Eden a Napoli

Presentato a Venezia, dove l’attore protagonista Luca Marinelli è stato premiato, è in questi giorni nelle sale “Martin Eden” del regista campano Pietro Marcello. La vicenda, che Jack London nell’omonimo romanzo aveva ambientato  nella California dei primi anni del Novecento, è trasferita a Napoli, ma la trama è la stessa: un giovane marinaio salva il rampollo di una ricca famiglia, si innamora della sorella, e con l’aiuto di lei scopre la letteratura e le moderne teorie evoluzionistiche. Affascinato dal potere…

A Venezia, premi e molto altro

Un bel festival Venezia numero 76, nella qualità dei film, nei tanti divi per la gioia dei loro fan che si accalcano davanti al palazzo del cinema aspettandoli per ore, nel verdetto della giuria, nei risultati di pubblico, 200 mila presenze, un record, con incrementi che vanno dal 10 al 20 per cento rispetto all’anno scorso e a due anni fa. La Mostra della Laguna è ormai in grado a pieno titolo di fare concorrenza a quello ritenuto il primo…

Venezia non solo film

L’attesa per un buon cinema, da una parte, e quella per tanti divi in passerella, dall’altra. Si presenta così come del resto accade da anni, la 76esima edizione del Festival di Venezia, in scena dal 28 agosto al 7 settembre. Una selezione ricca almeno sulla carta, quella predisposta dal direttore Alberto Barbera, sempre attento a calibrare le giuste dosi del menu della Mostra per un pubblico eterogeneo, da quello più esigente che va in laguna per vedere film di grande…