Not in my backyard

Dici discarica, e pensi  a fumi, puzze e rumori molesti. In misura maggiore o minore la sindrome  NYMBY –  un acronimo che viene dall’inglese “not in my backyard”,  non nel mio cortile – colpisce tutti. E non aiutano certo a superarla  le cronache di questi anni, a cominciare dalle drammatiche vicende della terra dei fuochi. Ma non tutte le discariche sono uguali. A Collegno, alle porte di Torino, c’e’ Barricalla, una discarica per rifiuti speciali e pericolosi che inizialmente fu accolta da molte proteste,…

Senza olio di palma?

“Fatte senza olio di palma” strillano ai quattro venti gli spot pubblicitari delle merendine. E gli italiani, incuranti del fatto che quasi tutte continuino ad avere lo stesso sapore di cartone anche senza l’olio di palma, le  comperano felici e convinti di aver salvato non soltanto i figli, ma anche il pianeta. Già, perché la guerra contro l’olio di palma à stata combattuta su due fronti. Prima si è detto che era dannoso per la salute. Poi, quando si è…

Catturare la CO2

Nessuno scienziato serio mette più in discussione la drammatica realtà del riscaldamento globale, e  anche i governanti, almeno a giudicare dal gran numero di conferenze e di incontri internazionali dedicati all’argomento, sembrano essersene accorti. Ma le note dolenti cominciano quando si tratta di passare dalle enunciazioni di principio all’azione. Perché quel che bisognerebbe fare è difficilmente conciliabile con le esigenze di un mondo globalizzato, che ha puntato tutte le sue carte sull’incremento della produzione e dei consumi. Prendiamo l’anidride carbonica, uno dei gas responsabili dell’effetto serra. Ne…

Virtuosi, ma non troppo

Il primo parco europeo venne istituito in Svezia il 24 maggio 1909, trentasette anni dopo quello di Yellowstone, negli Stati Uniti, che fu la prima area protetta al mondo. La data è diventata l’ennesima giornata internazionale dedicata a un qualche tema. Molto opportunamente, però, la  federazione  dei parchi non si è limitata a una celebrazione di circostanza, e ha organizzato una serie di iniziative che andranno avanti in molti paesi europei fino a metà giugno. Anche l’Italia è coinvolta, secondo un programma che…

Zero termico

Zero termico molto al di sopra dei quattromila metri nei bollettini meteo che raccontano il caldo eccezionale di questi giorni. Ma non tutti conoscono nei dettagli questa misura che è così importante per chi va in montagna. Proviamo a fare un po’ di chiarezza con l’aiuto di Wikipedia. Lo zero termico è il dato  che indica l’altitudine alla quale la temperatura nella libera atmosfera è (o sarà, nel caso di una previsione) di zero gradi  alle ore 12. Al di sopra di tale altitudine la temperatura è generalmente…

Siamo in un pasticcio

Il G7 che si è appena concluso ha raggiunto un accordo di massima sulla necessità di attuare politiche che mantengano il riscaldamento globale del pianeta  al di sotto della soglia dei due gradi. Un tema di importanza cruciale, troppo spesso colpevolmente trascurato. In attesa che alle dichiarazioni di intenti dei grandi del mondo seguano fatti concreti, riprendiamo dal  sito www.climalteranti.it una interessante riflessione su un articolo di David Roberts, originariamente comparso in inglese su Vox Media.  Gli autori sono Gabriele Messori, Daniele Bocchiola, Laura…

Fa sempre più caldo

Anche se lo abbiamo già fatto altre volte, non è male tornare ogni tanto sul grande e controverso tema del riscaldamento globale. Non perché in ambito scientifico vi sia ancora qualche dubbio sull’esistenza del fenomeno e sulle sue preoccupanti dimensioni, ma perché questa consapevolezza non è ancora condivisa da larghi strati dell’opinione pubblica. E molti governi sembrano troppo distratti dalla crisi economica per avere il tempo di riflettere sulle strategie da adottare per contenere i suoi effetti sul clima del…

Il raffreddamento globale

di Victor Serge – Siamo molto preoccupati per il riscaldamento globale, e non abbiamo tutti i torti. Siamo in troppi, e il nostro modo aggressivo di produrre non guarda in faccia né gli uomini né le cose. Figuriamoci l’ambiente, dove i danni si percepiscono in genere nel medio e nel lungo periodo, un lasso di tempo che la maggior parte degli uomini non è neppure in grado di concepire. Si spiegano così  i ripetuti fallimenti dei vertici internazionali che cercano di…

Tempo e clima

di Victor Serge.  Nella ciotola del cane l’acqua quest’anno non è mai diventata ghiaccio. Nella parte esposta a nord del giardino tenere piantine stanno timidamente affacciandosi tra le foglie secche lasciate lì per proteggere il terreno dal gelo. Ma il gelo non è arrivato, né qui a Torino, né altrove. Fa caldo. Troppo caldo per la stagione, come confermano gli esperti, mentre gli agricoltori guardano preoccupati al risveglio precoce della natura e in montagna si continua a morire per il…