Scacchi senza bellezza

Altri tempi, quando la sfida tra l’americano Bobby Fischer e il sovietico Boris Spassky, complice la guerra fredda, era diventata il simbolo dello scontro tra blocchi contrapposti, e aveva dato agli scacchi una visibilità mai avuta prima, e forse mai più raggiungibile. Il campionato del mondo che si è appena concluso a New York è stato distrattamente seguito dai media, e anche molti  appassionati hanno storto il naso per la lunga sequenza di patte che  ha caratterizzato l’incontro tra il…

Storie di sopravvissuti

Davanti alle telecamere  ha annunciato il suo ritiro Nivaldo. Lo strazio è troppo grande per quanto accaduto in Colombia ai suoi compagni di squadra. Il portiere della Chapecoense, 42 anni, sarebbe dovuto essere sull’aereo maledetto. Il giocatore vanta 299 presenze con la maglia della Chape e, di concerto con l’allenatore, aveva deciso che la sua ultima partita avrebbe coinciso con la 300esima presenza e si sarebbe consumata in casa, davanti ai propri tifosi. Non era partito con la squadra per…

Breitner il rosso

Barba incolta, capelli folti e disordinati e il “Libretto Rosso” di Mao Tse Tung in mano. Non è la descrizione di un semplice militante di sinistra, ma è l’immagine che ha reso celebre uno dei calciatori tedeschi più importanti e discussi degli anni 70 e inizi anni 80: Paul Breitner. Nasce nel 1951, a Kolbermoor, cittadina della Baviera, cresce nella vicina Freilassing dove incomincia la sua carriera calcistica nelle giovanili del ESV Freilassing . A 19 anni accede al calcio…

Elogio del populismo

Nella rissa referendaria di questi giorni entrambe le parti preferiscono i colpi bassi al ragionamento. Una deriva probabilmente inevitabile, vista la strada della personalizzazione che Renzi ha voluto imporre alla consultazione contro l’opinione di uomini esperti come l’ex presidente Napolitano, ma non per questo meno sgradevole. Tra tutti i colpi bassi, quello di liquidare gli avversari  accusandoli di “populismo”  è uno dei più usati, e anche dei più fastidiosi. Piace a molti  pasdaran del sì e anche a qualche esponente del no. Ed…

TFF, mecenate cercasi

Il pubblico che spesso ha preso d’assalto le sale delle proiezioni facendo registrare il tutto esaurito, giovani di ieri che frequentano la rassegna fin dai primi anni con gli altri che si sono aggiunti strada facendo, e accanto i giovani di oggi che l’hanno appena scoperta: il Torino film festival ha segnato un’altra bella edizione. Gli spettatori hanno gradito l’eterogeneità di temi e di stili messa insieme da Emanuela Martini, per il secondo anno alla direzione e da molto tempo…

Un viaggio a Cuba

Due anni fa sono riuscito a organizzare un viaggio a Cuba al di fuori dei normali circuiti turistici. Ho girato molte immagini, e incontrato molte persone. Questo è quello che ho scritto al ritorno. Lo ripropongo oggi, senza modifiche, perché non mi sembra che ci sia nulla da cambiare, a parte il fatto che il mio amico Ernesto non poterà più mostrare ai cubani i ritagli dei giornali italiani con i fake della morte di Fidel. Sull’Autopista Nacional che unisce La…

Appendino e Fassino non c’entrano

Sul Po arriva la piena. Gli ormeggi di Valentino e Valentina, le due imbarcazioni che portano i turisti a spasso sul fiume, si spezzano e gli scafi senza controllo si  incagliano sotto il ponte della Gran Madre. Uno dei due si rovescia e si perde nella corrente, l’altro è ancora a galla, non si sa per quanto. Per i leoni della tastiera che popolano il web è festa grande. Quale occasione migliore per attaccare l’attuale amministrazione cittadina, rea di non…

Le dieci morti di Doris Lessing

Quante volte è morta la scrittrice inglese Doris Lessing? Una volta sola, naturalmente. E nel novembre del 2013. E’ morta invece almeno una decina di volte (c’è chi le ha contate) su Facebook. Regolarmente, soprattutto in occasione di un qualche anniversario, c’è chi rispolvera un link del 2013 che annuncia la scomparsa della scrittrice. Posta il link con la notizia sul suo profilo come se il fatto fosse accaduto quel giorno stesso. E, cosa ancora più sorprendente, e per qualche…

La favolosa vita di Freddie Mercury

Venticinque anni fa ci lasciava Freddie Mercury, leader dei Queen e icona della musica rock. Se ne andava lasciandoci orfani della sua voce e del suo stile, così inconfondibile e unico. Freddie Mercury era innanzitutto unico, di un’unicità manifestata nelle sue canzoni ancor prima che nei suoi show. Del resto, ciò che rimane, alla fine, è la musica.  Farrokh Bulsara nasce a Zanzibar il 5 settembre 1946 da una famiglia di origine Parsi ed è destinato a diventare uno degli…